Il contratto di locazione. Tutto quello che c’è da sapere.

contratto-di-locazione

Il contratto di locazione. Tutto quello che c’è da sapere.

Come registrare un contratto di locazione nel regime ordinario.

Ogni volta che lochiamo un immobile sia esso ad uso abitativo che commerciale siamo obbligati alla registrazione del contratto di locazione.

Oggi vedremo tutti quei contratti che non rientrano nelle locazioni brevi, che saranno oggetto di un post a parte.

Come abbiamo detto, la locazione di un contratto di locazione è obbligatoria, qualunque sia il canone pattuito tra le parti, se la durata è superiore a 30 giorni complessivi nell’arco dell’anno e se formato per atto pubblico o scrittura privata autenticata. Nel normale regime di tassazione al momento della registrazione sono dovute l’imposta di registro e l’imposta di bollo. Da tenere presente che il reddito derivante dalla locazione concorrerà a formare il reddito complessivo del locatore per quanto riguarda l’irpef e addizionali. La registrazione del contratto va effettuata entro 30 giorni dalla stipula dello stesso.

Il contratto può essere registrato indifferentemente dal proprietario dell’immobile (locatore) o dall’affittuario (conduttore), in quanto entrambi sono responsabili in solido per il pagamento dell’intero importo dovuto per la registrazione del contratto.

La legge ci consente diverse possibilità per la registrazione del contratto di locazione. La prima è quella di rivolgersi presso un ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate pagando tramite F24 l’imposta di registro e l’imposta di bollo. La seconda possibilità, sicuramente più sbrigativa, senza rivolgersi direttamente agli uffici dell’Agenzia delle entrate, in questo momento particolare sicuramente molto affollati e quella di procedere alla registrazione telematica del contratto di locazione autenticandosi e tramite il software RLI scaricando il software stesso gratuito direttamente sul proprio pc oppure tramite l’applicazione dell’Agenzia delle entrate RLI web. In questa ipotesi il pagamento verrà effettuato comunicando il numero dconto corrente dove addebitare le imposte da versare.

Altra possibilità è quella di rivolgersi ad un intermediario abilitato che procederà al posto vostro per la registrazione del contratto di locazione.

Molto importante da ricordare che nei nuovi contratti di locazione va inserita una clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazione e la documentazione sull’attestato di prestazione energetica dell’edificio (APE). Una copia dell’APE deve essere allegata al contratto di locazione, fatta eccezione per i casi di locazione di singole unità immobiliari come da D.l. 145/2013 art. 1 comma 7.

E’ possibile avvalersi anche della cedolare secca quale regime facoltativo per la registrazione del contratto di locazione.

In un prossimo post vedremo come fare.

Partecipa alla discussione

Confronta gli annunci

Confrontare